TZ Young Fitness - шаблон joomla Новости

 Telefono:  338 480 0606

News

News

21 Febbraio : è tempo di Boxe Feature

Febbraio 19, 2016 0 comments 508 Hits

Finalmente si torna Ring!

29 E 30 OTTOBRE AD AVELLINO SI SVOLGERA' LA COPPA ITALIA AMATORI 2016 F.P.I.

Ottobre 7, 2016 0 comments 1205 Hits

POSSONO PARTECIPARE ALLA COPPA ITALIA AMATORI 2016 TUTTI I PUGILI AMATORI ISCRITTI ALLA F.P.I. - ISCRIZIONI ENTRO IL 25/10/16.

Dal 29 al 30 Ottobre 2016 dalle h15.00 alle h20.00 si svolgerà ad AVELLINO la PRIMA EDIZIONE DELLA COPPA ITALIA AMATORI 2016 - con iscrizioni entro il 25/10/2016 - presso il Palazzetto dello Sport del COUNTRY SPORT di AVELLINO sito in Contrada Santa Caterina Località Picarielli, 83100 (AV) organizzata dalla FEDERAZIONE PUGILISTICA ITALIANA (F.P.I.) in collaborazione con il Comitato Regionale F.P.I. Campania coadiuvato dal dott. Claudio Cricrì - Tecnico titolare dell'A.S.D. IRON BOXE Pugilato Pomigliano d'Arco (NA) - nominato Coordinatore della Commissione organizzatrice della Coppa Italia Amatori e Coordinatore del Settore Amatoriale Campania - insieme al dott. Gianluigi Moffa e al dott. Valerio Esposito Responsabile Regionale di settore - e con la collaborazione dell'Associazione oganizzatrice dell'evento A.S.D. PUGILISTICA CARDAMONE diretta dal Maestro Agostino Cardamone. 

Possono partecipare TUTTI I PUGILI AMATORI GYM BOXE iscritti alla F.P.I. nell'anno in corso  appartenenti ad Associazione e/o Società sportiva presente sul territorio NAZIONALE affiliata alla FEDERAZIONE PUGILISTICA ITALIANA.

L'iscrizione alla COPPA ITALIA AMATORI 2016 dovrà essere effettuata entro il 25/10/16 (compilando la scheda di iscrizione che è reperibile sul sito www.fpi.it  e inviandola a:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.,">   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  . Si ricorda che sul posto si dovrà versare alla A.S.D.  Organizzatrice una quota di iscrizione di € 10,00.

Tecnici Referenti: Cricrì Claudio (338 4800606), Esposito Valerio (333 2787635) e Moffa Gianluigi (338 7483225)  

Programma:

Giorno 29 ottobre RITROVO h 14.00 - INIZIO GARE h15.00;

Giorno 30 ottobre RITROVO h 9.00 - INIZIO GARE h 10.00

 

Requisiti di partecipazione: alla competizione organizzata dalla F.P.I. possono partecipare gli amatori con visita medica agonistica di tipo B1per i maggiorenni e certificato NON agonistico per i minorenni, di nazionalità italiana e straniera, regolarmente tesserati per l'anno in corso.

Categorie di peso: 45/55 -- 55/65 -- 65/75 -- 75/85 -- +85

Categorie di età: MASCHI :    

JUNIOR - A   anni 14/17 senza contatto

JUNIOR - B   anni 18/20 contatto controllato

SENIOR    anni 21/40 contatto controllato

MASTER  anni 41/65  contatto controllato

Categorie di età : FEMMINE

JUNIOR - A   anni 14/17  senza contatto

JUNIOR - B  anni 18/20  contatto controllato 

SENIOR   anni 21/40 contatto controllato 

MASTER  anni 41/65 contatto controllato 

Tempi di gara: Tre riprese da 60" con 1' d'intervallo.

 

Regolamento:  AMATORI "CON CONTATTO CONTROLLATO E SENZA CONTATTO"  

REGOLAMENTO TECNICO UNICO VALIDO SOLO PER I MAGGIORENNI: relativo alla valutazione delle gare a contatto controllato ai fini del verdetto.

A- CONTROLLO DEL COLPO - squalifica al 2° richiamo (immediatamente qualora l'arbitro lo ritenga opportuno);

B- VIETATO IL PRESSING - (alternare attacco e difesa);

C- ESECUZIONE CORRETTA DELLE TECNICHE - OFFENSIVE E DIFENSIVE ;

D- ABILITA' SPAZIO TEMPORALE- (padronanza e gestione ottimale del ring)

REGOLAMENTO TECNICO UNICO VALIDO SOLO PER I MINORENNI

A- VIETATO IL PRESSING - (alternare attacco e difesa);

B- ESECUZIONE CORRETTA DELLE TECNCICHE - OFFENSIVE E DIFENSIVE;

C- ABILITA' SPAZIO TEMPORALE - (padronanza e gestione ottimale del ring)

Norme relative alle gare:

1° Verdetto ai punti o per squalifica (V.P. - N. - V.SQ);

2° Partecipanti: tutti gli amatori - uomini e donne - con visita medica agonistica di tipo B1 per i magiorenni e NON agonistico per i minorenni. 

3° In Gare di Campionato/Torneo, tra una gara e l'altra deve intercorrere almeno 1 ora.

4° Si useranno tutte le protezioni previste, casco e guantoni omologati, approvati o  con il consenso della F.P.I., da 10 oz.

5° I Risultati saranno inseriti nel sito federale e, quindi, saranno visibili alla voce record Amatori.

Per quanto non contemplato si fa riferimento al REGOLAMENTO GYM BOXE SETTORE AMATORIALE ed allo Statuto F.P.I: 

Per ulteriori informazioni  www.fpi.it

Informazioni logistiche: 

SISTEMAZIONE  HOTEL ( PERNOTTAMENTO E PRIMA COLAZIONE ) CONVENZIONATI CON LA F.P.I.

1) HOTEL MERCURIO - Viale Modestino, 7 - 83013 MERCOGLIANO (AV), tel. 0825 787149 - 787409- 787681 (Sig. GIUSEPPE)

fax 0825 787584 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Pernottamento e prima colazione:

- camera singola 40,00€

- camera doppia 20,00€      (tot. 30 doppie) 

- camera tripla 18,00€         (tot. 20 triple)

- camera quadrupla ----- 

2)HOTEL MALAGA - via Appia, 95 - 83042 Atripalda (AV) telefono: 0825 611501 (sig.ra RAMONA) -  Pernottamento e prima colazione:

-camera singola  40,00€

-camera doppia 25,00 €

-camera tripla 20,00 €

- camera quadrupla -------

 3)GREEN PARK HOTEL - Via Loreto, 9 - 83013 MERCOGLIANO (AV), tel: +39 0825 788961 - fax: +39 0825 788965 (Sig. ANTONIO)

e- mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.    -  Pernottamento e prima colazione:

- camera singola 40,00€

-camera doppia 20,00€       (tot. 30 doppie)

- camera tripla 18,00€        (tot. 20 triple)

- camera quadrupla ------

4)VIRGINIA PALACE HOTEL - Via Torone 83013 MERCOGLIANO (AV) , tel 0825 681902 - (+39) 0825 682236 (sig.ra MARIANNA)

Pernottamento e prima colazione:

camera singola 50,00 €

camera doppia 25,00€  

camera tripla 23,00€

camera quadrupla 20,00€

 

per ulteriori informazioni www.fpi.it

 Contatti: 

Coordinatore Nazionale Amatori: Gianni Di Leo (338 8070389)

Coordinatore della Commissione organizzatrice Coppa italia : Claudio Cricrì (338 4800606) e- mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Valerio esposito (333 2787635); Gianluigi Moffa (338 7483225). 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

7 MOTIVI PER PRATICARE PUGILATO

Settembre 15, 2016 0 comments 683 Hits

Sono sempre più numerose le persone che indossano i guantoni per tenersi in forma. Alessandro Cherchi ci spiega perché la boxe non è tirare cazzotti.

Il Pugilato è uno degli sport più spettacolari al mondo.

“Sono sempre più numerose le persone di ogni età, colletti bianchi, operai, uomini e donne che indossano i guantoni per tenersi in forma. Chi viene ad annusare la boxe se ne innamora e non salta nemmeno una lezione,” confermaAlessandro Cherchiproprietario insieme agli amici dell’ Opi Gym boxing club di Milano sotto la supervisione dell’ex campione europeo peso mosca di Franco Cherchi. 

Cerchiamo di capire la ragionedi questo fenomeno attraverso il racconto di chi proviene da una famiglia che da mezzo secolo frequenta ogni ring del pianeta e ha vissuto, fin dall’infanzia, l’emozione del pugilato.

“Mio padre Salvatore è uno dei più grandi promoter a livello internazionale, è stato premiato dal WBO (World Boxing Organization) come miglior manager nel 1996, ha fondato e gestisce la Opi2000 dove collabora mio fratello Christian e da qualche tempo anche il sottoscritto,” si presenta Alessandro Cherchi. “L’Organizzazione Pugilistica Italiana ha gestito campioni del mondo del calibro di Giovanni Parisi, Francesco Damiani, Gianluca Branco, Stefano Zoff e Simona Galassi per citare i primi che mi vengono in mente.”Tra il 2007 e il 2010, Alessandro ha vissuto la boxe a livello agonistico ed è stato campione regionale, campione italiano universitario e bronzo ai campionati italiani. Le emozioni più forti, però le ho vissute da piccolo seguendo Giovanni Parisi, ex Campione del mondo WBO super leggeri. Avevo 11 anni e durante le vacanze andavo a casa sua mentre si allenava. L'ho ammirato durante la preparazione fino allo sparring prima del match vinto nel 1996 contro Sammy Fuentes per la corona mondiale. Tutti lo consideravano finito e mio padre ha fatto l’impossibile riuscendo a riportarlo dove meritava. Consideravo Giovanni Parisi uno di famiglia, uno zio. Mi portava in giro ed è per lui che ho fatto il pugile. Grazie all’amore profondo che lega Alessandro Cherchi alla boxe possiamo riassumere con le sue parole, in sette punti, i motivi per cui questo sport risponde meglio di altri alle esigenze di chi è alla ricerca di una palestra sia per fare movimento sia per ritrovare il proprio equilibrio.

 

1) LA BOXE NON È DARE CAZZOTTI

“Per capire la grande forza di attrazione del pugilato bisogna fare tabula rasa dei cliché che riducono questo sport a un banale atto di violenza o alla leggenda metropolitana del naso schiacciato. L’avversario sul ring rappresenta l’obiettivo che ognuno di noi deve avere per dare un senso ai propri sacrifici. Finito il combattimento, appena suona la campana dell’ultimo round, i pugili si abbracciano. In questo gesto c’è il senso della boxe. L’abbraccio è il rispetto che bisogna avere per le difficoltà della vita. In quel momento riconosci in chi ti sta davanti la tua stessa umanità. Quando ci si trova sul ring si è soli, il pubblico sono gli occhi del mondo e le persone che ami sono il tuo angolo. Si può andare alle corde e poi uscire, finire al tappeto e rialzarsi, sopportare e superare i momenti più negativi. Il pugilato è la vita.”

2) LA BOXE È MUSICA

“Noi avevamo un pugile di Pisa che si chiamava Dario Cichello, amico di Andrea Bocelli. Il cantante assisteva sempre ai suoi incontri insieme ai figli, alla compagna e al suocero. Ascoltava i movimenti, i tocchi, le schivate, le pause e collegava ogni suono alla descrizione di cosa stava accadendo sul ring quando il rumore del pubblico sovrastava. Udiva la boxe.”

 

3) IL VIAGGIO È PIÙ IMPORTANTE DELLA DESTINAZIONE

“Giovanni Parisi aveva personalità, carisma e tecnica. Grazie a lui ho imparato ad apprezzare le tappe di avvicinamento a un match importante. L’emozione vera non è solo nell’atto finale ma soprattutto nel percorso, lungo la strada che porta alla meta. Il pugilato è impegno, sacrificio, umiltà, voglia di imparare, costanza e passione. Sono i valori apprezzati da chi frequenta i corsi di pugilistica. Per divertirsi e stare in forma la gente cerca un’alternativa alle gelide macchine da palestra. Corsa, piegamenti, corda, esercizi a corpo libero sotto la supervisione di un allenatore creano gruppo, una forza in grado di stimolarci all’allenamento più duro anche nei giorni in cui ci sembra di non averne voglia.”

 

4) SFOGARSI, AFFRONTARE LA PAURA E RITROVARE SICUREZZA

“Oltre a un allenamento a 360°, c’è la parte tecnica. Si impara a tirare i pugni, c’è lo sfogo con il sacco, la peretta e lo sparring dove si colpiscono i guantoni dei compagni senza contatto fisico. Durante la lezione di pugilistica si crea una situazione particolare in cui si esprime qualcosa che nella vita quotidiana fa fatica a uscire. Il pugilato aiuta a ritrovare sicurezza soprattutto quando a guidarti c’è chi ha conosciuto a fondo la paura del ring. Non si tratta della paura del dolore fisico ma di qualcosa che sta nel nostro profondo. Un pugile teme l’imprevisto, ha il dubbio di non farcela, pensa di non essere all’altezza della situazione. Una situazione mentale e psicologica che è fondamentale sapere affrontare e trasformare in energia positiva. Per questo nelle palestre come la mia gli allenatori sono dei professionisti che conoscono bene il ring. 

5) SAPERE COSA SIGNIFICA SUCCHIARE LE ARANCE
Il successo delle palestre di pugilato è un fenomeno straordinario ma deprimente se visto nell’ottica del vero pugile. La tristezza è quando non si conosce il pugilato professionistico. Non ho mai pensato di diventare proprietario di una palestra e se l’ho fatto, insieme ai miei soci, è per dare luce al pugilato. Su cento persone che si iscrivono a corsi di pugilistica 89 non conoscono nemmeno un pugile professionista e solo il 5% è un vero appassionato di boxe. L’immedesimazione per capire cos’è la paura, la fatica e il dolore è fondamentale. Tutti gli sport sono sacrifico, però la fatica che sopporta un pugile è unica. Ore di allenamento e una cura ossessiva dell’alimentazione fanno capire bene la differenza tra chi può mangiare le arance e chi è costretto solo a succhiarle.

6) I FILM PIÙ BELLI PARLANO DI BOXE
“Sono convinto che l’immaginario abbia una parte fondamentale nel successo del pugilato amatoriale. Il ring è un luogo di grande ispirazione e il cinema ha raccontato grandissime storie di boxe. Molte di queste si sono ispirate a grandi personalità come Rocky Marciano, Jack La Motta, George Foreman, Carlos Monzòn Muhammad Alì, Larry Holmes, Sugar Ray Leonard, Mike Tyson e tanti altri.
Ricordo film come “Lassù qualcuno mi ama” con Paul Newman, i 6 film di “Rocky Balboa”, “Mr. T”, “Cinderella Man” con Russel Crow nel ruolo del pugile irlandese James Braddock e le divertenti interpretazioni di Charlie Chaplin". 

7) I PUGNI SI TIRANO DAI PIEDI
“Tutto parte dalla posizione, dai piedi e dalle gambe. È una questione di armonia tra gambe, bacino e braccia. Il movimento di rotazione del corpo non coinvolge solo le spalle e la cosa difficile è sapersi coordinare. Dalla posizione di guardia si parte e si ritorna, è l’inizio e la fine del movimento per tirare un pugno. La potenza del colpo è frutto di una danza che si prepara in allenamento ballando attorno al sacco e girandogli attorno dentro e fuori imparando a schivare. Il pugno è l’ultima cosa, l’importante è stare in piedi, muoversi e sentirsi vivere.”

 

di Francesco Menichella

FONTE:GQitalia

 

 

 

 

Contatti

Viale Tramonto n.3 
Pomigliano d'Arco | 80038 | Napoli
Telefono: (+39)338 480 0606
Email: ironboxe@alice.it

NewsLetter SignUp